M.A.P.S.

(Mental Abstraction Positioning System)


The dramatic sensation of M.A.P.S. (Mental Abstraction Positioning System) comes from the possibility of thinking, playing, and engaging in dynamic geographic spaces and situations from above. Perception of and contact with the ground surface occurs at one scale, by linking and transcending scales, and at many scales. M.A.P.S. is a medium for finding in-between spaces, experiencing phenomena at the point of contact, and imagining abstractions of form. M.A.P.S. is a reading of poetic signals in a graphic and playful artistic narrative, produced on canvas.


L'intensa sensazione che si ha nell'osservare M.,A.P.S. deriva dalla possibilità di pensare, giocare e interagire con spazi e situazioni geografiche e dinamiche da una posizione sopraelevata. La percezione e il contatto con la superficie del terreno avvengono a una singola scala, unendo e superando diverse proporzioni, e a più scale. M.A.P.S. è un mezzo per incontrare gli spazi liminari, per fare esperienza dei fenomeni nel momento del loro incontro e per immaginarvi astrazioni della forma. M.A.P.S. è una lettura di segni poetici attraverso narrazioni grafiche e giocose che si dispiegano sulla tela.